A lezione di chirurgia aerea

19 Marzo, 2011 | Di | Categoria: IN CAUDA VENENUM

In Libia arrivano i ‘bombardamenti aerei chirurgici’… E’ il turno dei francesi, ma gli specialisti sono sempre stati americani ed inglesi. Alcuni flash riemergono dalla memoria.
La strage nel quartiere milanese di Gorla (1944), dove morirono oltre 600 civili, dei quali circa 200 bambini che frequentavano la scuola elementare del quartiere…
La distruzione di Dresda (1945) con almeno 50.000 morti… Tra le operazioni chirurgiche si possono annoverare a pieno diritto anche le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki (1945): oltre 200.000 morti che misero in ginocchio il Giappone…
Quando parlano di ‘bombardamenti chirurgici’ intendono spiegare che per vincere le guerre occorre terrorizzare le popolazioni, costringendo gli eserciti alla resa. Però, c’è da rimanere perplessi: nei tribunali internazionali per costoro non c’è mai posto sul banco degli imputati.

Tags: , , , ,

2 Comments to “A lezione di chirurgia aerea”

  1. emilio ha detto:

    I vincitori hanno sempre ragione, specialmente quando hanno torto

  2. leone mazzeo ha detto:

    E’ vero:questi criminali vincitori(?) hanno sempre ragione, specialmente quando hanno torto.
    E’ sempre il bue che dà del cornuto all’asino!

Leave a Comment