POLITICA

Me ne frego!!!

Lug 10th, 2014 | By
Me ne frego!!!

Se ti dichiari contro i matrimoni e le adozioni gay, sei un bieco omofobo… Se vuoi contenere l’invasione delle migliaia di clandestini, sei uno schifoso razzista… Se denunci le violenze israeliane contro i palestinesi, sei un lurido antisemita… La mia risposta: un istintivo ritorno alle origini.



Tutto in una frase…

Lug 1st, 2014 | By
Tutto in una frase…

“Erede di una famiglia ebraica di mercanti e cambiavalute” (cfr. Enciclopedia Treccani), Mayer Amschel Rothschild (fondatore dell’omonima dinastia di banchieri) con una semplice frase spiega il giogo che rende schiavi i popoli europei: «Datemi il controllo sulla moneta di una nazione e me ne frego di chi fa le leggi»…



C’era una volta un Condominio…

Giu 16th, 2014 | By
C’era una volta un Condominio…

«C’era una volta… un Condominio con tante famiglie, che, unite da un ‘idem sentire’, si sono frequentate per anni, andando più o meno d’accordo, con alti e bassi e pure qualche furiosa lite nelle riunioni condominiali. Poi, per colpa di un capo condomino ingordo e sleale, con l’acquiescenza complice di tanti capofamiglia, si sono tristemente
[continue reading…]



Non svegliare il ‘gabbian’ che dorme…

Giu 6th, 2014 | By
Non svegliare il ‘gabbian’ che dorme…

Tutto è cominciato quando Enzo Raisi, ex deputato finiano, ha lanciato un missile terra-aria postelettorale contro i cosiddetti ‘gabbiani’ romani: «Fratelli d’Italia è La Russa più la sezione missina di Colle oppio di Roma. Non c’è dietro nessun progetto politico serio. E’ un partito molto romano con un pezzo di Lombardia, rappresentata da La Russa,
[continue reading…]



Suggerimenti non richiesti

Giu 3rd, 2014 | By
Suggerimenti non richiesti

«Ora ci aspettiamo dal Front National un percorso virtuoso simile a quello promosso dal Msi con An». Così Fabio Rampelli all’indirizzo di Marine Le Pen (“Secolo d’Italia”, 2 giugno). Nonostante la misera fine che hanno fatto i ‘fiuggini’, dispersi malamente in mille rivoli dopo aver contribuito (chi più, chi meno…) a sfasciare un’intera comunità ideale,
[continue reading…]



Primum vivere, deinde reficere…

Mag 27th, 2014 | By
Primum vivere, deinde reficere…

Non sono un fine ed apprezzato politologo, ma voglio cimentarmi in un’analisi semi-seria dei risultati delle elezioni europee. E comincio con la parte ‘semi’. L’apporto della strategia della ‘doppia tessera’ ai risultati di Forza Italia appare decisamente sotto lo 0,6% raggiunto alle ultime politiche. Nonostante l’entusiasmo istrionico di Storace lo porti a vantarsi di aver
[continue reading…]



Elezioni europee: un segnale per i burocrati

Mag 7th, 2014 | By
Elezioni europee: un segnale per i burocrati

L’astensionismo rappresenta la vera incognita delle prossime elezioni europee. Eppure, mai come oggi, l’Europa rappresenta un problema per il popolo italiano. Eppure, mai come oggi, il Governo italiano rappresenta un semplice esecutore di troppe decisioni prese altrove. Ciò nonostante, si moltiplicano gli appelli per l’astensione di coloro che lo considera un voto inutile. In Sardegna,
[continue reading…]



Evirazione dispettosa…

Apr 18th, 2014 | By
Evirazione dispettosa…

Fu Otto Von Bismarck a definire la politica “l’arte del possibile”. Con Francesco Storace è diventata ‘l’arte dell’evirazione dispettosa’. Quella che più comunemente viene definita ‘l’arte del tagliarseli per far dispetto alla moglie’. A corto di voti e fallita la strategia “NextAn”, il leader de La Destra ha deciso di accettare l’abbraccio mortale di Berlusconi,
[continue reading…]



10 domande a Francesco Storace

Mar 29th, 2014 | By
10 domande a Francesco Storace

Sarà per la delusione dovuta al mancato esito della mia “Lettera Aperta per il Partito della Nazione”, ho letto e riletto la relazione di Storace al Comitato Centrale de La Destra. Quella approvata con appena tre astensioni e che ha convinto il partito a “ricambiare con affetto ed entusiasmo” l’abbraccio inviato da Berlusconi. Fossi stato
[continue reading…]



Eppur si muove…

Mar 24th, 2014 | By
Eppur si muove…

Nessuno si distragga e chi ha ruoli di responsabilità, anche periferici, faccia sentire la propria voce. A quattordici giorni dalla presentazione dei simboli ed a ventidue delle liste, il tempo per trovare un’intesa è veramente scarso. Siamo al cospetto di un’occasione, come quella delle elezioni europee, difficilmente ripetibile in breve tempo: non c’è obbligo di
[continue reading…]